Tempo di lettura: 4 minutiUltimo aggiornamento: 14 Luglio 2021

Se cerchi vida loca, notti brave, pazza folla e giornate iperattive, non sei capitato nel post(o) giusto. Ma se stai leggendo è mooolto più probabile che tu abbia cercato Elcito, e che quindi quello che ti interessa siano i borghi in pietra, le atmosfere senza tempo, la natura e come staccare per un po’ dalle fatiche mondane. E allora sei nel post(o) perfetto.

panorama da Elcito

Elcito il Tibet delle Marche

Il minuscolo borgo di Elcito è il Tibet delle Marche, e percorrendo la bellissima strada per arrivarci, immersa tra monti e boschi, capisci subito che il soprannome sembra sì un po’ azzardato ma ci sta tutto: Elcito è arroccato su uno sperone di roccia a 824 metri di altezza. Magari per il Tibet manca qualche (giusto qualche) centinaio di metri, ma il fascino è comunque al top!

borgo arroccato

E non si scomoda solo il Tibet: a volte il borghetto è descritto come ‘andino‘, il che magari è un po’ eccessivo eppure il paesello in parte ha l’aspetto di un nido di condor, appollaiato com’è, tondeggiante, a strapiombo sulle rocce. Il suo stesso nome in fondo rende l’idea: Elcito da subito lo abbiamo chiamato El Cito alla sudamericana! Ed è presto diventato El Sito…

Elcito

Scherzi a parte, la sua posizione elevata è eccezionale. Il panorama è talmente ampio e dà su una distesa montuosa talmente compatta di rilassantissimi toni verdi da rimanere incantati per minuti, anche per mezz’ore. Ma non limitarti alla vista. Chiudi per un momento gli occhi e assapora l’aria croccante che ti sfiora (o sferza…) la pelle… anche questa è un’emozione che tendiamo a dimenticare, chiusi nelle nostre quattro pareti, e che invece è magnifico recuperare appena possibile.

Elcito panorama

Elcito il Borgo del Silenzio

Il borgo è compattissimo e davvero piccolo, ma tenuto molto bene. Si gira in pochi minuti, anche perché non ci sono negozi, botteghe o locali. Ci sono una chiesa (S. Rocco) e i resti di un antico castello medievale, sorto per difendere la vicina Abbazia di Santa Maria in Val Fucina e attorno a cui appunto nacque il borghetto.

Elcito

Le pietre delle case, i vicoletti stretti in cui si incanala il vento, i monti verdissimi che macchiano di colore gli spazi tra una costruzione e l’altra, e il magnifico silenzio… tutto ti regala la sensazione di essere fuori dal tempo.

Non solo perché ogni cosa pare ferma a secoli fa, ma anche perché tu stesso ti dimentichi la tua vita quotidiana e tutti i suoi frenetici affanni. Qui è tutto calmo, lento, lontano, rilassato (a parte il vento…) e in breve senti anche i tuoi muscoli e la tua mente allentare le tensioni che si portano sempre dietro.

Elcito

Non a caso Elcito è detto anche il Borgo del Silenzio: qui rimangono ancora solo 5 abitanti testardi (ma è comprensibile il perché!) e potrai sentirti davvero parte dell’atmosfera sospesa e tranquilla che regna su questo cocuzzolo (evita i fine settimana, come ti spiego alle Info pratiche).

Paura di annoiarsi? Direi di no, casomai paura di rilassarsi! Una dimensione dove, abituati come siamo a correre, rischiamo di non trovarci a nostro agio e che invece dovremmo – anche questa – recuperare.casa in pietra

Inoltre Elcito è base perfetta per camminate ed escursioni, essendo nella Riserva Naturale Regionale del Monte San Vicino e del Monte Canfaito. Quindi attività ce ne sono eccome!

Info pratiche

Come arrivare ad Elcito Marche: per forza in macchina. Da San Severino Marche si prende la strada per Arpino fino a Castel San Pietro dove si procede per la via che in 5 km conduce al borgo. Una volta arrivati, c’è un parcheggetto lungo la salita che porta alla piazzetta con la chiesa ma non è molto grande. Il borgo è totalmente pedonale perché le auto non c’entrano proprio fisicamente.Elcito vicoli

Elcito ristoranti: all’altezza del parcheggio c’è un locale, il ristoro Il Cantuccio, che noi abbiamo trovato chiuso per le restrizioni da Covid ma che dovrebbe essere attivo.

Elcito b&b: all’interno del borghetto c’è il b&b Tra Elcito e il cielo. Non ci siamo stati ma in futuro l’idea ci solletica molto.

Quando andare: Elcito va bene in ogni periodo dell’anno, anche se in inverno può cadere davvero tanta neve. In tal caso la situazione è meno comoda ma sicuramente con un fascino diverso e splendido, magari da valerne la pena. Ovviamente la primavera e l’autunno sono il momento migliore per le escursioni.

Elcito vicoli

Elcito nei fine settimana: Elcito nei fine settimana primaverili ed estivi può essere affollato, anche perché si fa presto a riempirlo. Infatti il Comune di San Severino Marche ha deciso proprio in questi giorni di chiudere la strada fino a novembre (2021), se la situazione dovesse richiederlo (in situazioni di emergenza, dicono). Il nostro consiglio è di programmare la visita in mezzo alla settimana. Stressarsi per visitare il Borgo del Silenzio ci sembra abbastanza paradossale!

Rispettiamo Elcito: Elcito è un borgo fragile, magnificamente restaurato ma pur sempre un piccolo manipolo di case arroccate in un contesto dove la natura è padrona. Quindi va rispettato a 360 gradi: dal non lasciare rifiuti all’evitare schiamazzi e urla.

Elcito

Elcito va anche goduto con delicatezza, calma e leggerezza in tutta la magia che può offrire a chi nella vita non smette mai di meravigliarsi della bellezza discreta eppure dirompente che ci circonda, anche nei piccoli luoghi.

Ami anche tu i borghi? Hai altri paesini da suggerirci nelle Marche?

Al prossimo viaggio

Simona

EXPLORE. DREAM. DISCOVER.

CONTINUA A SCOPRIRE LE MARCHE CON NOI:

Ascoli Piceno cosa vedere nella ‘città bianca’: itinerario in un giorno

Un favoloso trekking al Lago di Pilato, il lago ‘con gli occhiali’

Il tempio di Valadier, una chiesa incastonata nella montagna

Grotte di Frasassi, le Marche viste da dentro

Grottammare, lo splendido borgo che domina l’Adriatico

Le grotte di Camerano, una città nel sottosuolo

L’abbazia di San Claudio, Aquisgrana e il mistero di Carlo Magno

Autore del post: Simona

Viaggiatrice seriale, ha piazzato una bandierina in ogni angolo di mondo, ma da buona perfezionista qual è vuol continuare a mettere bandierine, facendo impallidire l’Emilio Fede di berlusconiana memoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.