State pensando di visitare Stoccolma, ora che le giornate si allungano e inizia a fare calduccio? Se sì, non perdetevi la sua metropolitana! E non perché la capitale svedese sia messa così male da non avere niente di meglio da scoprire eh… Anzi!

Stoccolma infatti è tutt’altro che piatta: è una città elegante, giovane e con tante cose da fare, e ti consiglio quindi anche di leggere l’altro post che le ho dedicato:

Metal e non solo: cosa vedere a Stoccolma

Vi suggeriamo anche qualche libro, dalle comprovate qualità e affidabilità: se avete intenzione di visitare Stoccolma non ne potrete fare a meno

      

Ma torniamo alla ‘Tunnelbana‘ di Stoccolma: è così particolare e originale da meritare un vero e proprio ‘tour’. Ti spiego perché.

Come e perché nasce l’arte nella ‘Tunnelbana’

Tutto nasce negli anni ’50 ad opera delle due artiste Vera Nilsson e Siri Derkert che presentarono una mozione per un’arte accessibile a tutti. Il consiglio cittadino la approvò e il risultato fu che, lungo i 110 km di rete e le 3 linee, una 90ina di fermate vennero decorate da artisti di tutta Europa con dipinti, mosaici, installazioni e quant’altro.

Fermata metro di Stoccolma

Beh, una gran bella inziativa! Sia perché le stazioni sono bellissime, sia perché l’obiettivo era quello di avvicinare l’arte alla vita di tutti i giorni. Oltretutto riempiendo e abbellendo i tempi degli spostamenti, che quasi sempre sono ‘mortarelli’ (poi dipende: a Roma sono momenti selvaggi ed è molto difficile annoiarsi, ma questa è un’altra storia).

Il matrimonio galleria d’arte/tunnel metro dimostra anche che la ‘cultura’ non deve essere per forza qualcosa di noioso e confinato nei musei: può essere qualcosa di vivo e quotidiano, che diverte anche.

metro di Stoccolma Centralen

Noi adoriamo i classici musei, di cui Stoccolma tra l’altro è piena, ma questo non esclude che si possa godere l’arte portata nei luoghi di ogni giorno, che sia street art o che siano stazioni della metro.

Quali sono le fermate della metro di Stoccolma da vedere?

La Tunnelbana insomma non potete perdervela. Noi stavamo per farlo, stremati da giorni di inzeppo* che ci hanno ridotti l’ultima sera come una specie di zombie nordici… per fortuna abbiamo recuperato qualche residua forza e dopo caffè e kanelbulle… di corsa (ehm… ) alla Tunnelbana!

 metro di Stoccolma
Kungsträdgården

* Inzeppo. Nel gergo dei treeavellers: infilare una marea di cose da vedere/fare nel tempo che si ha a disposizione (certo con un occhio al godersela). Il che significa fare dei tour de force tremendi che poi al rientro all’aeroporto vogliono farci imbarcare le borse sotto agli occhi…)

Ecco quindi quali sono le fermate della metro di Stoccolma da vedere. Ovviamente abbiamo fatto una selezione (vedi più sotto i tips per la visita), e qualcosa purtroppo c’è anche sfuggito.

1- Kungsträdgården

Linea blu

Secondo noi è la più particolare: considerate che ha un sito archeologico all’interno! Certo, se vieni da Roma non è che la cosa in sé ti impressioni piu’ di tanto (insomma, siamo abituati agli sfasciacarrozze dentro gli acquedotti romani tra le statue!) ma il sito è veramente suggestivo, ben allestito e molto particolare.

 metro di Stoccolma
Kungsträdgården

Non è il solo elemento originale della stazione, tutta decorata con geometrie rosse, bianche e nere un po’ fricchettone che colpiscono e rimangono impresse. Fidatevi, è imperdibile. Kungsträdgården significa poeticamente ‘giardino del re’, e in effetti in superficie sbucate direttamente all’omonimo parco, uno dei fulcri della vita di piazza cittadina.

 metro di Stoccolma
Kungsträdgården

2- T-Centralen

Linee blu – verde – rossa

Qui si incrociano le 3 linee (per forza, è Centralen!) quindi ci passerete sicuramente, o addiritttra partirete direttamente da qui (come abbiamo fatto noi). E rimarrete incantati dalle decorazioni bianche e azzurre floreali che fanno assomigliare la stazione a una grande ceramicona!

 metro di Stoccolma Centralen
T-Centralen

I flori sono alternati alle sagome dei lavoratori che costruirono la metro, opera di Per Olof Ultvedt (Mah? Confessiamo ignoranza su costui. Chi ne sa qualcosa, parli).

 metro di Stoccolma Centralen
T-Centralen

3 – Råd-huset

Linea blu

Un’altra fermata che spicca e che rimane impressa è Råd-huset, una delle stazioni lasciata a grotta (come anche ad esempio T-Centralen, Stadium e Solna Centrum). Va vista perché sembra un’enorme colata di lava: originale e scenografico assai.

 metro di Stoccolma
Råd-huset

4 – Fridhemsplan

Linea blu – verde

E’ decorata con bellissime figure di ceramica e terracotta opera dell’artista Dimas Macedo come omaggio allo scienziato Carlo Linneo, che era per l’appunto svedese, di Uppsala. Ma Fridhemsplan ha anche un interessante mood nautico, con imbarcazioni, ancore e bussole incastonate nella parete a grotta.

 metro di Stoccolma
Fridhemsplan

5 – Västra Skogen

Linea blu

Tante tantissime piastrelle colorate in ceramica ravvinavano e rendono l’attesa mooolto più gioiosa! Servirebbe nella nostra linea B, dove le attese per la metro arrivano tranquillamente ai 10 minuti.

 metro di Stoccolma
Västra Skogen

6 – Solna Centrum

Linea blu

Una delle nostre preferite: qui un cielo rosso fuoco sembra cadervi addosso.

 metro di Stoccolma
Solna Centrum

Curiosità: sulle pareti dei tunnel sono dipinti alberi, per oltre 1 km totale di ‘bosco’! Woooow ecco perché ci piace! A essere sinceri i colori usati insieme sono un pugno in un occhio ma vabbeh… L’obiettivo dell’opera era sensibilizzare sui pericoli dell’industrializzazione, e noi lo apprezziamo comunque.

 metro di Stoccolma
Solna Centrum

7 – Stadion

Linea rossa

Omaggio alle Olimpiadi di Stoccolma del 1912, Stadion è assolutamente imperdibile! È forse la più famosa e sicuramente tra le più divertenti e scenografiche delle fermate della Tunnelbana. Anche perché i colori dell’arcobaleno olimpico sul soffitto azzurro cielo sono allegri e colpiscono nel segno.

 metro di Stoccolma
Stadion

8 – Hötorget

Linea verde

Presenta il cosiddetto ”stile da bagno” di moda negli anni ’50, ovvero pareti piastrellate e pastellate. Hötorget ha qualcosa in più: l’installazione di 103 neon bianchi sul soffitto con cui Gun Gordillo ha voluto rappresentare le scie dei pattini sul ghiaccio. Altra curiosità: la stazione è apparsa velocemente in un video di Madonna, Ray of light, e in Make me smile degli Erasure.

metro Stoccolma
Hötorget

Fermate della metro di Stoccolma da vedere (ma che non abbiamo fatto in tempo a vedere)

Non siamo riusciti a vedere Solna Strand (linea blu) e Tekniska Högskolan (linea rossa) ma secondo noi meritano. Nella prima dai pavimenti e dai soffitti spuntano cubi di cielo veramente particolari che ci dispiace aver perso.

Nella seconda dipinti e sculture di Lennart Mörk ricordano i 4 elementi, l’universo e lo sviluppo tecnico. E qui gli scienziati in noi sarebbero stati contenti. Siatelo voi per noi!

Infine a Thorildsplans (linea blu) le pareti sono ‘pixelate’ e riproducono videogiochi super cult come pac man e Super Mario. Grazie all’artista Lars Arrhenius!

Tips per visitare la metro di Stoccolma

Il primo consiglio è di andare fuori dagli orari di punta in modo da godeverle al meglio e decidere qual è quella che vi piace di più. Sono tutte sorprendenti e tutte diverse, come avete visto dalla nostra carrellata.

Il secondo è quello di non fermarsi al tunnel in cui arrivate ma di gironzolare un po’ per ogni stazione perché spesso hanno installazioni o decorazioni differenti da una zona all’altra, idem in cima alle scale mobili e così via.

metro Stoccolma
Una sfocata Västra Skogen ripresa dal vagone in movimento…

Per la visita avete due opzioni:

  • La prima, ma solo in estate, è prendere parte a uno dei tour gratuiti in inglese organizzati dalla stessa società di trasporti il martedì, giovedì e sabato dalle 15. Ovviamente va acquistato il biglietto.
  • La seconda è girarvela per conto vostro. Il tutto sempre al costo di un biglietto. C’è da dire che i 75 minuti di validità del biglietto singolo passano ultrarapidamente. Perciò o vi fate un secondo biglietto (o la Travelcard 24 o 72 ore- 7 giorni a seconda se pensate di utilizzare molto i mezzi) oppure selezionate bene le fermate che volete vedere. In questo caso mi raccomando, siate rapidi ed efficienti nella visita! Il lato positivo è che le stazioni più famose sono lungo la linea Blu, perciò la logistica è in parte facilitata. Noi ve le abbiamo indicate raggruppate per linea e in ordine di fermata.

     metro di Stoccolma
    Fridhemsplan

Bel tour, vero? Se vuoi altri consigli su cosa vedere a Stoccoma ti segnalo l’altro post che le ho dedicato:

Metal e non solo: cosa vedere a Stoccolma

Metropolitana di Stoccolma (ma non solo)

Insomma, la Tunnelbana è stata un’esperienza divertente e interessante. Ma Stoccolma non è l’unica città con una metro artistica. Stazioni interessanti ce ne sono anche a Londra, Parigi, Berlino. E sapete dov’è quella che è stata decretata come la più bella in Europa? A Napoli, è la fermata Toledo. Superspaziale, a conferma che il bello può unirsi alla vita quotidiana.Metro Toledo Napoli

Conoscete altre metro pazzesche, nella vostra città oppure che avete visto all’estero? Fatecelo sapere nei commenti!

Autore del post: Simona

Viaggiatrice seriale, ha piazzato una bandierina in ogni angolo di mondo, ma da buona perfezionista qual è vuol continuare a mettere bandierine, facendo impallidire l’Emilio Fede di berlusconiana memoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.