Tempo di lettura: 3 minutiUltimo aggiornamento: 16 Settembre 2021

A chi non piacciono le cascate? Al loro cospetto rimaniamo tutti affascinati e incantati come bambini… anche se ormai le candeline ci costano più della torta! Uno spettacolo che ogni volta ci riempie di meraviglia, e dato che la Val d’Aosta ne è piena per ogni dove, pensa che regione favolosa possa essere! Tra tutte, le più famose sono forse le Cascate di Lillaz, nella Val di Cogne.

Sono davvero così belle? Ebbene, i vostri treeaveller, esploratori un po’ urban un po’ nature, hanno allacciato gli scarponi e hanno verificato coi propri occhi. Scopriamole insieme!

Cascate di Lillaz

 

Dove sono le Cascate di Lillaz

Le Cascate di Lillaz sono anche conosciute come Cascate di Cogne, non ufficialmente ma perché comunque il paesino di Lillaz è vicinissimo a Cogne. Il quale è un centro abbastanza grosso noto anche per gli sport invernali e come porta al meraviglioso Parco Nazionale del Gran Paradiso che ha al suo interno uno dei ‘quattromila’ della Valle d’Aosta: il Monte Gran Paradiso appunto.

Cogne panorama

Perciò ci troviamo in un contesto di grande bellezza naturalistica,  il torrente Urtier: è lui a creare il magnifico spettacolo delle Cascate di Lillaz.

Cascate di Lillaz percorso

Ammirare le cascate Lillaz è semplicissimo: dal parcheggio del paese parte un sentiero pianeggiante e comodo accessibile a tutti, anche a non vedenti e diversamente abili. In questa prima parte hanno allestito un vero parco geologico: cammini tra vari tipi di rocce disposte ad hoc con le spiegazioni, anche in braille, della loro origine e natura, e di dove sono ‘tipiche’. Insolito e interessante anche per chi non è un nerd della geologia!

percorso Cascate di Lillaz

In una decina di minuti arrivi al primo salto: spumeggiante, alto, splendente nel suo biancore. Qui partono i primi di tantissimi ‘wow’ di apprezzamento, foto, selfie, minuti di contemplazione, sentimenti di gioia, che caratterizzano l’escursione.

Ma i salti sono 3, per un totale di 150 metri più che onorevoli e più che spettacolari. Per ammirarli tutti dovrai inerpicarti un po’ ma senza grossa fatica né dispendio di tempo. Infatti il sentiero 13L, anche se dopo il primo salto purtroppo non è più accessibile a passeggini o sedie a rotelle, non è particolarmente impegnativo.

L’ultimo salto è una sorpresa pazzesca: grazie a un ponticello che lo sovrasta puoi ammirarlo dall’alto, in verticale tipo drone! E calcola che qui siamo a 1710 m (Lillaz è a 1610): immagina che panorama!

Val d'Aosta

Poco più su, inoltre, puoi raggiungere la Cascata Biolet, che devo dire è molto particolare. Infatti è incorniciata da un enorme sperone roccioso che, lo ammetto, mi ha fatto venire una gran voglia di rispolverare l’arrampicatrice che è in me. Ma ho resistito e non sono/siamo salita/i: non sono cose che si improvvisano (non avevo nemmeno le scarpette da arrampicata appresso). Dirò una cosa da vera ‘nonna’ ma… la prudenza non è mai abbastanza!

In ogni caso, anche ammirandolo dal basso lo spettacolo è stato super soddisfacente.

Biolet

Poi ci sono anche altri percorsi, il più gettonato porta al Lago Loie. Noi non avevamo tempo di farlo perché avevamo in programma altre gite pomeridiane ma secondo me è un sentiero che offre belle emozioni. E poi confesso: avevamo in mente anche l’assaggio della famosa fonduta valdostana, cioè fatta col formaggio fontina in cui intingi crostini o patate, e del tipico dolce Crema di Cogne. Perciò tu capisci… non potevamo esimerci dalla prova culinaria…

fonduta valdostana

Curioso di sapere cosa abbiamo fatto nel pomeriggio? Leggi il nostro itinerario valdostano, traboccante di posti meravigliosi:

Val d’Aosta, il nostro ricco itinerario in 8 giorni al top

Cascate di Lillaz inverno

Le Cascate di Lillaz in inverno sono meta di arrampicatori sul ghiaccio: col freddo infatti l’acqua crea una parete ‘glaciale’ affrontabile con piccozza, ramponi e tutto l’armamentario dai più sportivi e adrenalinici. E preparati (anche qui, non si improvvisa nulla!).

PS: Lillaz, per inciso, è un paesino delizioso che vale una passeggiata tra le sue viette!

Lillaz

Info pratiche

Cascate di Lillaz Cogne come arrivare

Come arrivare alle Cascate di Lillaz: è molto semplice, in macchina basta percorrere tuuutta la Val di Cogne e raggiungere il paesino di Lillaz. Qui c’è un parcheggio veramente grosso, di cui una parte a pagamento e un’altra, più lontana dal paese e dall’imbocco del sentiero, gratuita (ma sempre alquanto vicina, almeno per i nostri standard: a Roma a volte quando rincasiamo parcheggiamo ben più lontano!).

Fare il bagno alle Cascate di Lillaz?

Se ti chiedi ”ma, alle cascate di Lillaz, si può fare il bagno?”, la risposta è no. Appena vedi anche solo il primo salto te ne rendi conto, sia per com’è fatta la cascata in sé sia per la forza dell’acqua. L’Urtier insomma non crea ‘laghetti’ placidi dove poter sguazzare.

Cascate di Lillaz

Dove mangiare a Lillaz

In paese ci sono diversi locali per mangiare, e il consiglio in media-alta stagione è ovviamente soprattutto quello di prenotare perché Lillaz è un posto molto molto frequentato.

Noi siamo stati al Lou Tschappé. Onestamente non ci ha esaltato ma non era nemmeno male, quindi che dirti…

… che tu scelga fonduta o panino, ti auguriamo di goderti al massimo una delle escursioni più semplici e più d’effetto della Valle d’Aosta!

Al prossimo viaggio!

Simona

EXPLORE. DREAM. DISCOVER.

PSSS… ECCO ALTRI NOSTRI SUGGERIMENTI PER ESPLORARE E SOGNARE LA VAL D’AOSTA:

Val d’Aosta, il nostro ricco itinerario in 8 giorni al top

Lago d’Arpy, escursione facile a una meraviglia della Val d’Aosta

Colle del Nivolet: una giornata tra nuvole, laghi e montagne

 

 

 

Autore del post: Simona

Viaggiatrice seriale, ha piazzato una bandierina in ogni angolo di mondo, ma da buona perfezionista qual è vuol continuare a mettere bandierine, facendo impallidire l’Emilio Fede di berlusconiana memoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.