Sentite anche voi una voglia smodata di fiori, colori, aria aperta e divertimento? Bene, abbiamo il posto giusto da suggerirvi: Keukenhof, il magnifico parco super tulipanoso a pochi chilometri da Amsterdam

Il parco di Keukenhof
Tulipani al parco di Keukenhof… ma va?

Ragazzi, è un luogo che vale veramente il viaggio. Perciò se siete alla ricerca di una destinazione per un week end last second o se siete lì in zona… non perdetevelo!

Il parco di Keukenhof
La voglia di selfie con i tulipani porta a scattare più di mille foto. Ma ne vale la pena

Il parco è famosissimo e super elogiato da tutti, al che noi siamo andati a verificare se la fama fosse meritata. Signori della corte, lo è. Qui come ho detto potrete soddisfare tutta ma proprio tutta la vostra voglia di fiori, colori, alberi, ponticelli, laghetti, aria aperta, location molto molto instagrammabili e chi più ne ha più ne metta. C’è anche un mulino dell”800! Keukenhof è un vero trionfo della bellezza, della natura… e del giardinaggio!

Il parco è a tema, e il tema del 2018 è…

Il parco di Keukenhof
Nel mare di tulipani di Keukenhof, parte prima
Il parco di Keukenhof
Nel mare di tulipani di Keukenhof, parte seconda
Il parco di Keukenhof
Ponticelli ne abbiamo?

Aperto solo 8 settimane l’anno, il parco è un enorme giardino delle meraviglie, dove in realtà la fa da padrona la mano dell’uomo. E la sua creatività. Ogni anno viene scelto un tema in base al quale vengono realizzati prati, aiuole, composizioni nonché vere e proprie installazioni floreali, che lasciano sbalorditi per la loro perfezione, per la loro armonia e per la loro particolarità.

Il parco di Keukenhof
ooooohhhhhh… <3
Il parco di Keukenhof
Tulipani e tulipani…
Il parco di Keukenhof
… e tulipani…
Il parco di Keukenhof
… e tulipani…
Il parco di Keukenhof
… e ancora tulipani

Per il 2018 il tema scelto è ‘Romance Flowers’, ed effettivamente moltissimi ‘spot’ erano super romantici e c’era molto rosa in giro. Una delle cose più sorprendenti dei tulipani però è la loro pazzesca varietà. Sia nei colori – ce ne sono praticamente di tutti i tipi, dalla tinta unita (diciamo così) alle sfumature – sia nelle forme.

Il parco di Keukenhof
Garofani… ah, no: tulipani. Che meraviglia sono?

Dalla più classica, quella che viene in mente a tutti pensando al ‘tulipano’, alle più particolari come quella a stella o quella tutta sfrangiata che a noi ha mandato in visibilio. Forse perché ci ha ricordato quando da piccoli facevamo quelle specie di garofani sfrangiati con i fazzoletti di carta… ve li ricordate?

Il parco Keukenhof

Il parco di Keukenhof
Idee per il terrazzo (se ne avete uno)

Il parco è diviso in sezioni con varie aiuole meticolosamente progettate e create, una più bella dell’altra: dovete solo trovare la vostra preferita, ogni angolo è una scoperta! Ci sono anche vari padiglioni con dentro un mondo di tulipani di tutti i tipi e nuance, installazioni floreali e proposte di arredamento che ti fanno venire una voglia matta di avere un terrazzo solo per sistemarlo nello stesso modo.

Non manca ovviamente del ‘sano’ merchindising a tema, tanto per portarsi a casa qualche ricordo, nel caso non vi bastassero le miglionaia di foto che potrete fare.

Perché andare a Keukenhof

Per passare una giornata bellissima, coloratissima, naturosissima, profumatissima. E per fare foto stupende in una cornice che non capita tutti i giorni. Vi basta?

Il parco di Keukenhof
Abbondanza di location istagrammabili
Il parco di Keukenhof
“Love, love, love… amore, amore, amore” (cit.)
Il parco di Keukenhof
Potrete soddisfare ogni voglia di foto per Instagram

Andiamo sul pratico: come arrivare a Keukenhof

Il parco si trova nei pressi di Lisse, a 35 km da Amsterdam, e ci si arriva in 45-60 minuti dalla capitale olandese. Ci si può giungere in vari modi:

Da Leiden Centraal Station:

  • bus 854, che vi lascia all’entrata
  • treno per Lisse, ma poi dovrete fare un chilometro abbondante a piedi

Dall’aeroporto Schipol

  • Bus 858, è diretto e porta davanti all’entrata del parco. Per trovare il bus seguite le indicazioni ben visibili dalla Schipol Plaza (dove passano tutti i bus). E’ forse l’itinerario più gettonato: noi abbiamo dovuto fare una mezz’oretta buona di fila per salire sul bus.

Da Haarlem

  • Bus 50

Da Amsterdam

  • Recandosi prima all’aeroporto Schipol, e da lì con il bus 858 summenzionato.
  • Con dei tour organizzati. Non ci sono mezzi diretti che non siano tour.

In macchina

  • In tal caso via di navigatore! C’e’ un parcheggio in loco, a 6 euro al giorno.
Il parco di Keukenhof
Composizioni dal perfetto equilibrio cromatico
Il parco di Keukenhof
E fuori dal parco l’immensa distesa di tulipani (ma quanti sono?!?)
Il parco di Keukenhof
Un “fiume” di muscari in mezzo ai tulipani: che classe!
Il parco di Keukenof
Il parco di Keukenhof

Qualche consiglio per vivere Keukenhof al meglio

Apertura del parco di Keukenof

Il parco apre per poche settimane, quelle della fioritura del tulipano. Un’occasione che nel 2018 potete cogliere dal 22 marzo al 13 maggio. Dalle 8 alle 19.30 tutti i giorni compreso il 5 maggio (Giorno della Liberazione).

Il parco di Keukenhof
Una scultura a forma di bulbo di tulipano. Doveroso omaggio

Quanto tempo serve per visitare il parco di Keukenhof

Noi siamo stati tentati di abbinare la visita a Leida o ad Haarlem e al parco nello stesso giorno ma per fortuna non lo abbiamo fatto! Il parco è davvero grosso e al di là del tempo materiale che ci vuole per girarlo vi consigliamo di godervelo. Nessuno vi correrà dietro, la libertà è totale (nel rispetto della natura e degli altri ovviamente) quindi rilassatevi, fate foto, bevete qualcosa di fresco, assaporatene ogni sua sfumatura.

Il parco di Keukenhof
Mettete dei narcisi nei vostri cofanoni
Il parco di Keukenhof
Sembra che non ci sia nessuno, eh? Per cogliere momenti del genere basta attendere il momento giusto (una finestra di 2 secondi ogni 15 minuti di attesa)

Il parco di KeukenhofIl parco di Keukenhof

Dove mangiare nel parco di Keukenhof

Per quanto riguarda il vettovagliamento, ci sono diversi punti ristoro con ristoranti e caffè quindi se non avete il pranzo al sacco nessun problema: non morirete di fame o di sete.

Il parco di Keukenhof
Un meritato ristoro con un centrifugato di mela, ananas e zenzero

Il parco di Keukenhof

I prezzi però sono quelli normali di un ristorante, perciò non particolarmente bassi. In alternativa ci sono anche dei chioschetti con hot dog e dolci, che prendono solo cash e che ovviamente hanno una scelta più limitata.

Dove comprare i biglietti per il parco di Keukenhof

Per i prezzi dei biglietti vi rimandiamo al sito ufficiale del parco, dove troverete le info più aggiornate. Le opzioni di acquisto comunque sono:

  1. Biglietti solo per il parco: sono ‘Open’, quindi una volta acquistati potete andarci quando volete.
  2. Biglietti parco + trasporti: dovrete prestabilire quando andate e sono economicamente un pochino più convenienti.
    Il parco di Keukenhof
    Per un parco gigante servono occhiali giganti

    Il parco di Keukenhof
    Virtuosismi

Noi avevamo il biglietto Open ma col senno di poi possiamo dirvi che all’aeroporto comprano tutti il biglietto combo con i trasporti. Ciò significa che al momento di andare a prendere il bus 858 tutti di fatto hanno il biglietto d’ingresso al parco e nessuno ha modo di ‘saltare’ la fila. Il parco di Keukenhof

Viene anche allestito un van a pochi metri dal capolinea dell’858 dove si possono prendere i biglietti per il trasporto, per il parco, o il combo. In poche parole potete comprare anche il giorno stesso un biglietto combo e risparmiare qualcosa.

La folla

All’entrata del parco non c’era particolare fila, anzi noi siamo entrati subito. Sicuramente è strapieno di gente (8 milioni – mi-lio-ni – di visitatori in 8 settimane non sono mica bazzecole!) ma a parte proprio all’ingresso dove ci si crea un minimo di caos perché tutti cercano di capire dove dirigersi, per il resto il parco è così grosso che la folla si diluisce. Certo, non sparisce! Per eliminarla dalle foto dovrete ricorrere al più classico degli strumenti ‘Correzione’.Il parco di KeukenhofIl parco di Keukenhof

Naturalmente le ore centrali della giornata e i fine settimana sono i momenti più ‘caldi’.

Conoscete altri parchi così spettacolari? Fatecelo sapere nei commenti!

Author: Simona

Viaggiatrice seriale, ha piazzato una bandierina in ogni angolo di mondo, ma da buona perfezionista qual è vuol continuare a mettere bandierine, facendo impallidire l’Emilio Fede di berlusconiana memoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *