Che dite, qualche trucchetto per risparmiare un po’ di soldi sul vostro prossimo viaggio vi potrebbe far comodo? Si tratta di piccoli accorgimenti per far rimanere nel portafogli qualche banconota in più, nulla di clamoroso, ma messi tutti assieme possono fare la differenza tra il restare e il partire, o tra il partire a tutti i costi e il ritornare e trovarsi a dormire sotto un ponte.

Ma veniamo al dunque, i 5 consigli. Ve li metto bene in fila, da seguire uno dietro l’altro in ordine cronologico. Se avrete un po’ di fortuna il vostro viaggio potrebbe costare la metà di quanto avevate stimato.

E se poi proprio non volete spendere neanche un soldo e preferite viaggiare gratis, allora non perdetevi il consiglio bonus finale…

1. Prenotare l’aereo. È bene essere flessibili nelle date di partenza e rientro

aereo giocattolo
Ehm… va bene risparmiare, ma forse è meglio prenotare un volo più sicuro di questo

E lo so, non sempre è fattibile. Però le compagnie aeree, specie quello low cost, incentivano la partenza (o il rientro) in determinati giorni della settimana, in genere quando c’è meno afflusso e si corre il serio rischio (da parte loro) di far partire un aereo con pochi passeggeri, rendendo la cosa antieconomica. Quindi, al momento della prenotazione, controllate se partire un giorno prima (o uno dopo) sia più conveniente della data che avevate in mente: a volte si può arrivare a risparmiare fino al 50%! Stesso discorso per il ritorno. Un po’ di flessibilità, ragazzi!

2. Prenotare l’hotel. Il prima possibile e sfruttando la tecnologia

Avete prenotato il volo? Benissimo! Ora le date di partenza e rientro sono certe. È il momento di buttarsi a capofitto nella ricerca dell’hotel giusto. In genere prima si prenota e più facilmente si trovano delle buone occasioni. Il consiglio è quello di affidarsi alle piattaforme tecnologiche specializzate, come Booking.com, Trivago, Hotels.com (ex Venere), Airbnb, etc.

Normalmente noi ci serviamo di Booking.com: dal momento che siamo clienti ‘genius’ (chiunque può esserlo, basta iscriversi a booking.com) abbiamo spesso un ulteriore sconto del 10% e alcune offerte riservate. Quale hotel prenotare? Beh, se potete, cercatene uno che vi faccia andare al consiglio numero 3, ovvero:

3. Alloggiare in un appartamento con cucina

Bello mangiare ogni volta in un locale differente, per carità. Ma diciamo le cose come stanno, non è che ci si può ingozzare continuamente di manicaretti locali cucinati dal Cracco della Lapponia! Oppure (e ne conosco) andare alla ricerca di uno spaghetto o di una caprese anche nel buco più sperduto dell’universo, dove la mozzarella viene venduta con il peso espresso in carati.

Quindi, se potete (perché lo ammettiamo, non sempre si può) prenotate un appartamento con cucina. Dopodiché, una volta in loco, fate la spesa al supermercato (acquistando prodotti locali!) ed ecco che la quota prevista per i pasti subirà un drastico taglio.

Bene, ora limiamo ancora un po’ il budget passando al consiglio numero 4:

4. Metropolitana? Autobus? Taxi? Uber? Macché! A PIEDI!

Forse ho esagerato

Certo, per chi è abituato come noi alle infrastrutture romane, farsi coccolare dalla Tube di Londra è una tentazione troppo forte. Però parliamoci chiaro, una città riesci a viverla tanto più intensamente quanto più riesci a districarti camminando tra le sue strade, vedendo scorci inusuali e riuscendo, dopo un po’, a costruirti una mappa mentale in grado di mandare in pensione il Google maps dell’iPhone.

Vuoi mettere poi i benefici sul fisico? Ehm… oddio, magari dopo 20 chilometri di camminata ogni giorno, piedi e schiena non saranno così felici. Ma il portafogli sì! Se riuscirete a fare a meno del trasporto pubblico potrete risparmiare un bel gruzzoletto (la metropolitana, ad esempio, può costare da 4 a 7 euro per singola tratta in molte città del nord Europa)

5. Fine del viaggio: souvenir. Ma dovete proprio?

È il consiglio più scemo. Ma alla fine, pensateci bene, ha senso portare un ricordino a tutti? Proprio a tutti? Niente ricordini, a nessuno, tanto finiranno sopra una mensola a prendere polvere. Siate drastici, siate aridi!

Bonus: viaggiare gratis in tutto il mondo

Ebbene sì, esiste un modo per viaggiare gratis in qualsiasi angolo del pianeta. Beh, non proprio l’intero pianeta, ma una buonissima parte sì. Certo è un viaggio virtuale. Ok, sento già i vostri “BUUUUUU” di disapprovazione, ma lasciatemi finire.

Signori, ecco a voi T-E-L-E-P-O-R-T.ME, un sito che simula il famigerato teletrasporto di Star Trek per portarvi da dove state poggiando le chiappe in questo momento in un qualsiasi altro posto del pianeta Terra, sia esso l’interno di un museo olandese o un’amena spiaggia polinesiana.

“Scotty, beam me up!”

Il tutto sfruttando i dati di Google Street View, cosa che vi permetterà di esplorare a 360° la zona dove siete stati “teletrasportati”.

teleport.me
WOW! Le cascate dell’Iguazu! Mi è andata di lusso!

Il posto non vi piace? Sentite l’improvvisa voglia di cambiare aria? Niente di più facile: basta premere nuovamente il tasto ‘teleport’ e zak! eccovi in un altro angolo casuale di mondo.

Vi assicuro che la cosa è estremamente affascinante. E poi, vedete la cosa in prospettiva: quando i visori per la realtà virtuale saranno di uso comune, ecco che probabilmente molti di coloro che conoscete (forse anche voi…) entreranno a far parte di quel gruppo di persone che “trascorreranno” una settimana tra le Maldive e la Treetop walkway di Kew senza dover mai abbandonare il divano del salotto. Aggratis.

Noi no, noi siamo all’antica, a noi piace spendere…

Author: Federico

Appassionato di tecnologia, cinema, fotografia e viaggi, scrittore per passione e per sostentamento, dottore in scienze naturali, intriso di web fino al midollo. Una specie di Frankenstein: chiamatemi 'Frederàic'!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.